università

Le università contro #EXPO

Expo 2015 sta distuggendo i nostri territori, le nostre città, smantella servizi, flessibilizza contratti e ora prende possesso della nostra formazione, senza che nessun* possa dire nulla.

Riforma Carrozza: spunti di riflessione sul provvedimento fantasma

“Ragazzi, siate ribelli e non accettate le cose così come sono.” Parola di Maria Chiara Carrozza, Ministro dell'Istruzione.

Un invito rivoluzionario pronunciato solo qualche mese fa proprio mentre si svolgevano gli ennesimi test di ingresso che “valutavano” le capacità di tanti studenti e studentesse per accedere nelle facoltà a numero chiuso, infrangendo i sogni di chi non ha superato la prova o non ha ottenuto una votazione di almeno 80/100 alla maturità che gli potesse anche solo permettere di tentare.

MILANO 18/12 - "NUTRIRE IL PIANETA" ? MA QUALE EXPO... RIOT KITCHEN !

Lo attendevate ed è tornato!
Riot Kitchen ritorna con una puntata culinaria nella sede universitaria dove tutto è cominciato: via Festa del Perdono sarà deliziosamente Riot e No Expo!!!

Gli studenti rispondono alle dichiarazioni del Rettore! Frati vattene!

A due giorni di distanza dalle cariche nella città universitaria della Sapienza, a danno del corteo degli studenti che protestava contro i tagli e le politiche di Austerity, il rettore dell'ateneo Luigi Frati finalmente prende parola sui fatti in una breve intervista.
Basterebbero le 48h di timoroso silenzio dopo un fatto di tale gravità ed eccezionalità per gridare nuovamente allo scandalo, ma il rettore, non pago, riesce con incredibile sfacciataggine a disconoscere ogni responsabilità e passare al contrattacco sollevando ridicole accuse contro gli studenti.

Dopo il #13D... Spodestiamo il tiranno! Frati dimettiti!

Ieri, 13/12/13, abbiamo organizzato e animato una giornata di mobilitazione radicale nell’università La Sapienza, per rispondere con forza alle vergognose cariche ordinate il 12 dicembre dal rettore Luigi Frati contro gli studenti e le studentesse che contestavano la presenza di esponenti del governo all’interno dell’università, quell’università martoriata dalle politiche d’austerity di cui il governo Letta si fa esecutore.

DIRETTA 13D: dopo le cariche di ieri: Frati dimettiti!

Bilancio: Frati latitante dalla Sapienza, rettorato occupato e studenti in corteo per ore dentro e fuori la città universitaria. L'università rifiuta l'austerità, i suo responsabili e i suoi cani da guardia. ‪#‎fratidimettiti‬

Stay tuned, segui la diretta su ateneinrivolta.org

- Speciale #12D - Cariche a La Sapienza! Frati dimettiti!

Comunicato del Coordinamento dei Collettivi - Ateneinrivolta.org

La più grande città universitaria d’Europa militarizzata, tre cariche della celere e due studenti fermati. Questa è la firma lasciata sull’università La Sapienza dalle istituzioni di questo paese, ospiti il 12 a un convegno/passerella sulla “green economy”.

Caricati gli studenti dentro la Sapienza: vergogna!

Stamattina centinaia di studenti si sono radunati con l'intenzione di contestare un convegno sulla Green Economy, che avrebbe visto la presenza all'università del Presidente della Repubblica e di numerosi rappresentanti del governo che a suon di austerità sta distruggendo territori, servizi, diritto alla salute e allo studio.

#12D, mobilitazione alla Sapienza... Fuori i signori dell'austerity dall'Università!

Giovedì 12 dicembre le più alte cariche dello Stato, dal Presidente della Repubblica Napolitano al Presidente del Consiglio Letta ai presidenti delle camere Boldrini e Grasso, oltre a numerosi esponenti del Governo, saranno presenti in Sapienza in occasione di un convegno organizzato dal Ministero dell'Ambiente in tema di biodiversità e green economy. I responsabili diretti della devastazione dei nostri territori e della conseguente messa in discussione del nostro diritto alla salute si riuniranno alla presenza di nomi di spicco come Squinzi per discutere di politiche ambientali nell'ottica del “rilancio del Paese”. In una sola conferenza si paleserà la totale connivenza delle istituzioni con i poteri forti e il tentativo di subordinare la Ricerca ad interessi privati perpetrato negli ultimi anni.

6 Dicembre, Scuole e Università di nuovo in piazza

Roma, 6 dicembre. tutto il mondo della formazione è sceso di nuovo nelle strade per rivendicare i propri diritti.
Il corteo, partito dallo studentato Boccone del Povero, dopo essersi inoltrato nelle facoltà di Economia e Ingegneria è poi giunto davanti la facoltà di lettere e filosofia dove era in corso l'inaugurazione dell'anno accademico, alla quale era prevista la presenza del ministro Carrozza e del presidente del Senato Grasso.

Condividi contenuti