sciopero

Senza portieri non si gioca! Comunicato dei lavoratori della Sapienza

Continuano le azioni di mobilitazione alla Sapienza contro la mala gestione degli appalti. Studenti e studentesse, lavoratori del comparto pulizie e lavoratori e lavoratrici delle portinerie hanno fatto irruzione questa mattina nel rettorato della prima università calando striscioni contro le esternalizzazioni dei servizi e distribuendo volantini contro l'uso degli appalti per i profitti di soggetti privati.

Il #23feb in Spagna sale la marea contro il debito e l'austerità

L’applicazione delle pratiche neoliberiste continua a colpire. Con la stessa dinamica predatrice, la Troika, il silenzioso (e molto indebolito) governo Rajoy e la classe dirigente continuano ad applicare delle politiche che minano le condizioni di vita del 99%, costretto ad accettare la presunta necessità di tagli e la demolizione del settore pubblico.

Roma #6dicembre: riprendiamoci lo sciopero!

#6d, studenti e studentesse generalizzano lo sciopero. Il resoconto della giornata, foto e video.

Dopo il #14N Fermarci è impossibile! Liberi/e Tutti/e!

Editoriale di AteneinRivolta - 14 Novembre 2012. Per parlare di questa giornata e di cosa sta significando in tutta Italia vorremmo provare a immedesimarci in chi ci guarda da fuori, un/una attivista spagnolo, o greca o portoghese o francese. Magari è stato pure un attento osservatore degli ultimi movimenti italiani, si ricorda bene il 2010, le proteste studentesche contro la Gelmini e l’ultimo governo Berlusconi, l’inssurrezione di piazza del Popolo il 14 dicembre, i titoli dei giornali che lodavano la giuventù ribelle contro il governo corrotto, le foto degli applausi ai manifestanti e le dichiarazioni di vicinanza dei politici dell’allora opposizione.

#14N, lo sciopero è europeo, il governo cileno

Il bilancio provvisorio di una giornata di lotta importante e di una repressione pesante.
di Checchino Antonini da popoff.globalist.it

Gli studenti rifiutano i sacrifici! Appello da Firenze verso il #14N

La scuola e l'università svolgono all'interno della nostra società un mero ruolo economico.

Infatti i provvedimenti e le riforme che hanno investito il sistema formativo italiano si inquadrano nei criteri dettati dal processo di Bologna.

Cortei selvaggi e scuole occupate, la rivolta riparte dagli studenti.

Decine di scuole occupate a Roma e provincia, cortei spontanei che da giorni si susseguono in tutti i quadranti della città, assemblee, autogestioni, blocchi della didattica. E' la rabbia dei giovani ad esplodere, quella degli studenti e dei giovanissimi precari che ancora una volta irrompono nella scena politica di questo paese e per primi tornano a scuotere un autunno che troppo presto, e ingenuamente, da molti era stato considerato freddo e pacificato.

Occupy San Raffaele!

A Milano, lavoratori e lavoratrici dell'ospedale San Raffaele sono in mobilitazione in questi giorni con un presidio permanente. Abbiamo subito portato loro la nostra solidarietà come studenti.

Scuola, blitz e cortei: continua la mobilitazione

Roma. Non si fermano le proteste nelle scuole romane, soprattutto del XIII municipio. Bloccata la Colombo e la Tuscolana. Nei licei di Ostia previste nuove agitazioni.

Buona la prima - Prime considerazioni "a caldo" sul No Monti Day

A Roma, 50 mila persone in piazza per contestare Monti e le sue politiche. Molte vertenze sociali in un corteo tranquillo che gli studenti scuotono bloccando la tangenziale e poi tutta la città. Prossima tappa lo sciopero sociale europeo del 14 novembre
di Giorgio Sestili da ilmegafonoquotidiano.it
Condividi contenuti